NON FERMARSI DAVANTI ALLE DIFFICOLTÀ

Figlioli, dobbiamo saperci adattare alle persone. In altre
parole: non mettiamoci a sedere dicendo che non si può
fare nulla perché abbiamo accanto quelle date persone.
Invece proprio con quelle persone bisogna lavorare.
Penso che Gesù non abbia detto all’Eterno Padre riguardo
a Pietro: “Senti, Signore: non hai qualche altro da
darmi come capo della Chiesa? Che io debba avere proprio
un uomo che ogni tanto se ne esce con qualche scarabocchio
e che all’ultimo anche mi rinnega? Proprio
questo?” - “Proprio quello! E con lui tu farai la Chiesa!”.
E allora il Signore Gesù obbedisce al Padre e dice a
Pietro: “Pasci i miei agnelli, pasci le mie pecore!” (Cfr. Gv
21,15-17). Ma perché? Perché questa è la volontà di Dio.
Perciò non scoraggiamoci se non abbiamo con noi le
persone ideali. “Sì, sì, tutto sarebbe possibile, ma c’è
quel tale...; bisognerebbe che quello non ci fosse...; sarà
impossibile finché ci sarà quel sindaco..., quel maresciallo
dei carabinieri..., quel medico..., quella maestra a
scuola!”. Nossignori! Proprio in un ambiente come questo
tu devi farti santo e santificare l’ambiente, far balzar
fuori da te quell’energia che Dio ha messo dentro di te
per superare quella difficoltà.
Quando noi eravamo giovani e meno motorizzati, per
sgranare il granoturco, si girava la manovella della macchina
sgranatrice e... bururumm... bururumm... bururumm!
Quando questa girava più velocemente, si buttava
dentro la pannocchia, e quando se ne buttavano due
o tre tutte in un colpo, la velocità diminuiva, ma poi la
macchina ripartiva di nuovo a tutta velocità.
Ebbene, la vostra vita sarà uno sgranare continuamente
il granoturco, miei cari. Sarà un susseguirsi di pannocchie:
una volta il mal di testa, un’altra volta un doloretto
a destra o a sinistra, un’altra volta sarà una persona...
Ma ricordatevi bene: cercate sempre di partire in velocità!
Guai se vi fermate dinanzi a una ‘pannocchia’. Ci
sono cristiani che si fermano non dinanzi a una ‘pannocchia’,
ma persino dinanzi alla fotografia di un moscerino.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top