Domandate la forza di dire sempre di sì al Signore

È importante, non solamente pensarlo, ma anche dire al Signore che lo amiamo con tutto il cuore: dirlo e portarlo nella pratica, altrimenti facciamo una commedia. Se diciamo: “Signore Gesù, fa’ che io ti ami...” e non ci sforziamo di amarlo, è una stupidaggine. Quando dico: “Fa’ che io ti ami sempre più”, io devo desiderare di amarlo e, desiderando di amarlo, di consumarmi per Lui.

 

Pensiamo al valore delle parole che diciamo! Quando, per esempio, diciamo: “Fa’, o Signore, che io ti ami...”; vuol dire: “Fa’, o Signore, che il mio amore sia solo per te e che io possa consumarmi completamente per te; la mia vita sia per te...: dolore, sofferenza, lavoro, morte, vita..., come vuoi tu, Signore!”.

 

Questo vuol dire amare e quando domandate l’amore, domandate questo: la forza di dire sempre di sì a Lui. Ma bisogna dirlo non soltanto con le parole, bisogna dirlo con i fatti! Penso che se non c’è qualche azione concreta, allora sono soltanto parole, non è amore, è ricerca di se stessi.

 

E, attenti figlioli, l’amore al Signore noi lo mostriamo specialmente quando siamo soli, quando non siamo controllati, quando siamo nella possibilità di non fare quello che si è costretti a fare.  

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top