La croce è sempre croce

Ah, figlioli, attenti perché i compiacimenti umani fanno perdere la testa. Perché? Perché se non siamo preoccupati di piacere a Dio, naturalmente saremo preoccupati di piacere agli uomini. Mentre io parlo a voi, è impossibile che non cerchi di piacere a qualcuno. Se una torta mi riesce bene è inutile che dica che per me è indifferente; se mi riesce bene sono contento di fare bella figura, non c’è niente da fare. Se le cose vanno bene, siete contenti, se vanno male, dispiace fare brutta figura. Questo vale per don Ottorino, vale per il Papa, vale per tutti gli uomini che sono sopra la terra.

 

Se uno dice: “Ma, io resto indifferente!”, ditegli che è un bugiardo perché quando le cose vanno bene si è contenti e quando capita una brutta figura la si offre al Signore, ma si sente la sofferenza. Sarebbe come dire che quando uno soffre con gioia per amore del Signore non sente neanche la sofferenza. Ma quello è un insulso: se prendo uno schiaffone, mi fa male. Anche Gesù nell’orto ha pregato: “Padre, se vuoi, passi questo calice”, e questo vuol dire che gli faceva male. La croce è sempre croce, la sofferenza è sempre sofferenza...   

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top