“Mi vuoi bene? Soffri con me!”

Leggendo la Sacra Scrittura sono rimasto impressionato nel constatare come Dio ha trattato gli uomini da Lui scelti. È una realtà impressionante! La vita dei dodici Apostoli, ad esempio, ad eccezione di San Giovanni, che si è salvato in una pentola di olio bollente dove ha preso senza dubbio qualche buona bruciatura, è stata un martirio continuo.

 

E la vita dei missionari? E la vita dei nostri buoni sacerdoti? Cari miei, questo è Vangelo. Non è una semplice possibilità, come potrebbe essere una vincita al totocalcio, come potrebbe essere la poliomielite che colpisce uno fra tanti; è una qualità inerente alla nostra vocazione e quindi è per tutti. Uno può diventare vescovo, può diventare ingegnere, ma questi sono doni speciali, sono grazie particolari; ma c’è una grazia particolare che viene data a tutti ed è quella di soffrire: è l’appello di Gesù che comporta la richiesta assai precisa di seguirlo in tutto.

 

L’invito di Gesù comporta la richiesta di condividere la sua sofferenza per puro amore. Una persona potrebbe soffrire per avviare una fabbrica e ne ricaverebbe una soddisfazione. Invece Gesù domanda di lavorare, lavorare, lavorare per puro amore, per amore di Dio, anche senza avere la gioia di un trionfo del nostro sacrificio. “Mi vuoi bene? Soffri con me!”. La parola è dura, ma questo è cristianesimo. Io non posso indicarne uno diverso.

 

Vorrei ripetervi la frase di San Paolo: “Anche se venisse un angelo a predicarvi un cristianesimo diverso, una vita cristiana diversa, sia scomunicato” (Cfr. Gal 1,8). Non si può trasformare la vita cristiana in una compagnia di esaltati che vanno avanti a base di trionfi. No, no, no! È necessario l’ottimismo, ci vuole forse un po’ di santa suggestione, ma indirizzata ad accettare questa vita per puro amore, semplicemente per amore di Dio, e con la prospettiva di collaborare con Lui alla salvezza degli uomini. “Io accetto di soffrire perché amo Gesù”.

 

A me non interessa cosa mi chiede, purché me lo dica Lui, me lo chieda Gesù.             

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top