Riconoscere con semplicità i doni che il Signore ci ha fatto

Si devono riconoscere con semplicità i doni del Signore. Sarebbe una scortesia verso il Signore che ce li ha dati, dire: “Ah, non mi ha dato niente!”. “Come, non ti ho dato niente? Ti ho dato questo, quello...”.

 

Ad esempio: a uno do 10.000 lire. Lo incontro fuori casa e gli chiedo: “Hai soldi?” - “No, non ho niente”, mi risponde. “Ehi, stupido, ti ho dato 10.000 lire!” - “Beh, sì, veramente...”. Devi dire che ti ho dato 10.000 lire; mi fai fare brutta figura. Sii onesto con chi te li ha dati.

 

Sarebbe come se uno che è bravo a cantare dicesse: “Ah, io non me ne intendo affatto di canto”. Dirai che il Signore ti ha dato dei talenti e potrai aggiungere che qualche volta avrai sbagliato qualche nota, che ci sarà stata qualche dissonanza nella esecuzione, ma pazienza. Siamo sinceri: dite quella che è la verità.

 

“Allora, mi faccio stampare il mio biglietto da visita con tutte le doti che ho: professore di santità, dottore, eccetera”. No! Non facciamo gli ipocriti!

 

Ricordate la falsa umiltà di quella donna che diceva: “Oh, preghi per me, padre, perché sono una povera peccatrice.” - “Sì, cara, lo so.” - “Che cosa può dire lei di me?”.  

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top