“ALLACCIARE LE CINTURE!” - UNIONE FRATERNA

L’altra cinghia, figlioli, è quella di stare uniti fra noi. San Giovanni Apostolo ci dice: “Figliolini, vogliatevi bene! Amatevi gli uni gli altri!” (Cfr. 1Gv 3,11). E io ve lo ripeto in nome di San Giovanni e in nome di Gesù: vogliatevi bene! Volersi bene, però, vuol dire aiutarsi. Non sia permessa una parola di critica. Se c’è qualche cosa che non va, da buoni fratelli, ditevelo. Io vorrei aggiungere: abbiate il coraggio e la forza di farvi la correzione fraterna. Se vedete che un fratello non è intonato, ricordatevi che per il fatto stesso che voi ve ne siete accorti, avete il dovere di intonarlo. Io vorrei che la carità arrivasse a questo punto. Ti accorgi che tuo fratello stona? Se stai cantando insieme, gli dici: “Taci perché stoni”. Tutti abbiamo il dovere di aiutare il fratello a intonarsi. Finché non vi verrà dato l’ordine di slacciarle, ricordatevi che c’è una scritta: “Allacciare le cinture”! Perché? Perché stiamo attraversando dei venti furiosi. “Ma quali sono questi venti?”. Figlioli, non ci interessa conoscere i venti. A noi basta tenere allacciate queste cinture: unione con Gesù, unione con il Vangelo, unione fra noi sotto l’alto comando del Papa e della Chiesa, pronti a dare la vita senza chiedere il perché. Con uomini così il Signore farà opere meravigliose. Se il Signore ha scelto voi per questo, ringraziate lui e non domandate il perché.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top