SOLO SE SCOPRO CHI È DIO COMPRENDO LA GRAVITÀ DEL PECCATO

Di solito dalle conseguenze si capisce quale ne è la causa. Quando tu vedi uno con la testa rotta gli domandi: “Che cosa è successo?” - “Ho preso un sasso”. Deve essere stato grosso quel sasso se ha rotto la tua testa... Amici, state attenti. Se il peccato ha portato come conseguenza la morte e la corruzione del sepolcro, dobbiamo renderci conto della sua gravità. Dobbiamo veramente pensare che cos'è il peccato.

Noi andiamo avanti, specialmente in questi anni, in mezzo a tanto frastuono, per cui le molte distrazioni e la vita movimentata non ci aiutano a riflettere: pensiamo solo a noi e non pensiamo a Dio. Ebbene, pensate che il peccato vero e proprio è una ribellione volontaria contro Dio; è un scegliere Satana al posto di Dio.

Credo che la partenza per la santità consista proprio in questo: scoprire chi è Dio, chi sono io, che cosa ha fatto lui per me, che cosa ho fatto io contro di lui. Il peccato viene messo a fuoco giusto soltanto se io medito chi è Dio, che cosa lui ha fatto per me e come io ho risposto a lui! Devo meditare la bontà del Signore, che mi ha creato dal niente, che mi ha dato l'intelligenza, che mi ha fatto simile a lui, che mi ha elevato con la grazia, che mi ha circondato di amore, che continua a circondarmi di doni.

Guardate che il peccato lo commettiamo sempre. Credo che non passi giornata che non commettiamo peccato, perché non c'è solo il peccato grave, ma c'è anche il peccato leggero. E, per conto mio, io non devo soltanto sentir rimorso se ho ammazzato mia mamma, ma anche se solo l’ho schiaffeggiata. Ricordatevi bene che anche un peccato leggero, una mezza bugia, una incorrispondenza alla grazia, una mancanza contro la carità, è una offesa al Signore. Dobbiamo ricordare che noi siamo stati molto amati da Dio perché ci ha messo vicino dei buoni e santi genitori, ci ha messo vicino dei buoni sacerdoti, ci ha ricolmati di doni, per cui più siamo stati amati da Dio, più grande diventa anche il nostro piccolo peccato.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top