AVERE IL CUORE DI DIO

Dobbiamo avere il cuore di Dio. Perciò qui ci vuole un chirurgo capace di cambiare il cuore. Fratelli miei, è assolutamente necessario che tutti ci mettiamo sul tavolo operatorio e ci facciamo operare, che cediamo il nostro cuore e che lasciamo venga messo al suo posto il cuore di Dio.

I santi parlavano con tanta semplicità. Qualche volta hanno azzardato anche dire al Signore: “Signore, facciamo il cambio: io ti do il mio e tu mi dai il tuo”. Questo è necessario se noi dobbiamo essere il Gesù che continua.

Ieri sera ero in chiesa ed ho cominciato a prendere paura pensando: “Io devo essere Gesù che continua. Quando mi presento alle persone devo essere Gesù”. Cari miei, come è differente il modo di pensare di Gesù e il mio modo di pensare, il modo di agire di Gesù e il mio verso me stesso, verso Dio, verso i fratelli! Quante cosette bisogna tirar via o bisogna aggiungere! Insisto nel dire che questa deve essere la nostra preoccupazione.

Ai primi tempi della Chiesa, quando arrivavano i cristiani, sentivano l'arrivo del Cristo. E lo devono sentire anche oggi. Ed è in proporzione di quello che sentiranno della presenza del Cristo che si incendierà il bosco.

Amici miei, se io vado sopra un bosco con l'elicottero e butto giù ettolitri di acqua calda, è solamente acqua calda e il bosco non prenderà fuoco. Ma se butto giù del kerosene e del cotone acceso, la gente comincerà a gridare: “C’è un incendio!”. È appunto questo fuoco che il Signore domanda a noi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top