LA PREGHIERA VA FATTA ACCOMPAGNANDO LE PAROLE CON IL CUORE

 

La preghiera deve essere fatta accompagnando le parole con il cuore. La preghiera vocale è preghiera delle labbra e del cuore, quindi non soltanto delle labbra, ma anche del cuore.

Ad esempio, quando recitate l’ “Ave Maria”, raffiguratevi la casetta di Nazaret e l’angelo che dice alla Madonna: “Ave, piena di grazia”; immaginate che cosa avrà pensato Maria nel momento in cui si sentì chiamata “piena di grazia” e contemplatela “piena di grazia”.

Quando io dico “Ave Maria”, mi raffiguro la Madonna con l’angelo; quando poi dico “piena di grazia” mi raffiguro l’angelo che parla alla Madonna, che la esalta, e la Madonna veramente luminosa per la grazia di Dio, e canto un inno di lode al Signore perché l’ha riempita di grazia e l’ha riempita anche per me. Sì, anche per me, perché la mia salvezza è venuta attraverso la Madonna.

Entro poi nel cuore della Madonna e vedo la sua umiltà che la fa tremare dinanzi a questo saluto angelico.

“Il Signore è con te”: a queste parole mi invade un senso di gioia perché mia mamma è piena del Signore, ha il Signore con lei; ma nello stesso tempo provo quasi un senso di santa invidia perché desidero che il Signore sia anche con me.

Voi direte: sentimentalismo! Io mi auguro di averlo e lo auguro anche a voi, perché penso che questo sia fede. Mettete in preventivo che è difficile pregare, che tante volte non saremo capaci di seguire il senso profondo della preghiera, ma bisogna che ci sforziamo. Ricordatevi che questo lo si può fare anche nei momenti di aridità, vorrei dire che lo si deve fare proprio nei momenti di aridità. Mi pare che la preghiera, se la facciamo così, è come un pezzo di pane che noi mastichiamo e digeriamo bene, altrimenti è un pezzo di pane che trangugiamo: è sempre pane, ma che resta nello stomaco, non dà forza e forse fa stare male invece che fare star bene. Per questo sforziamoci di parlare così con il

Signore.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top