UMILTÀ VERA È METTERSI AL PROPRIO POSTO

A volte si può trovare una persona che sembra convertita, ma se dentro è piena di orgoglio, non c’è da illudersi, non è convertita. Invece potrebbe esserci una persona che ogni tanto pecca, ma appare umile e dispiaciuta: quella può essere convertita. Troverete qualcuno che magari promette di non bestemmiare più, di non far più peccati e poi, ogni volta che va a confessarsi è avvilito e piange: quello è convertito. Può esserci invece qualcuno che non fa neanche peccati veniali volontari, ma ne fa uno di così grosso, che è quello della superbia, che sarebbe meglio che ne facesse qualcuno di grave e piangesse.

 Perciò il segno della vera conversione è l'umiltà; in caso contrario niente da fare!

Vedendo nostro Signore così buono, così grande, che manifesta la sua bontà e la sua potenza nella natura, mettiamoci al nostro posto e diciamo: “Signore, quanto sei buono!”. Ecco l'umiltà: è mettersi al proprio posto. Non disprezziamo i doni che Dio ci ha dato, ma riconosciamo che è il Signore che ce li ha dati, che è tutto dono suo. Tu devi impegnare tutta la tua capacità, ma sappi riconoscere che è dono di Dio. Dobbiamo raggiungere la vera umiltà, e raggiungendo la vera umiltà, raggiungiamo la verità, raggiungiamo Dio, raggiungiamo l'amore.

Qualcuno potrebbe dire: “Come si fa a raggiungere questa benedetta umiltà? Come si può raggiungere questo benedetto amor di Dio?”. Semplicità, figlioli, semplicità! Niente cose complesse. Prendete in mano un fiore e dite: “Che belle cose ha fatto il Signore!”. Prendete in mano una mela e dite: “Come l'ha fatta bella il Signore e chissà quanto sarà gustosa!”, e mangiatela. Prendete in mano un gelato e dite: “Come è stato bravo il Signore a dare l'intelligenza agli uomini che sono riusciti a mettere insieme tante cose buone!”, e mangiate il gelato. Non prendete nessuna cosa senza cantare le lodi di Dio, figlioli cari.

Archimede diceva: “Datemi un punto d'appoggio e una leva ed io solleverò il mondo”. Datemi uomini semplici, pieni di amore di Dio, umili, impegnati a vivere così e con loro solleveremo il mondo. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

App Meditazioni don Ottorino

Ti va di avere ogni giorno la parola di don Ottorino direttamente sul tuo smartphone (cellulare)?
Vai su Play store e cerca "In ascolto di don Ottorino" oppure anche solo "don Ottorino"...
Se invece possiedi un iPhone un iPad qui il link per scaricare l'app dalla Apple Store
Avrai una graditissima sorpresa.
Potrai avere il testo di ogni giorno per i tre volumi, sia in italiano che in portoghese e spagnolo...

Go to top