AFFIDARE CHIESA, UMANITÀ E COSMO ALLA SIGNORIA DI CRISTO

Impegno di Vita di Novembre 2016

“Tutte le cose sono state create per mezzo di Lui e in vista di Lui” (Col 1,16)

Paolo aveva annunciato ai Colossesi il mistero della misericordia di Dio rivelatasi in Gesù. Ora scrive loro una lettera, rendendo grazie a Dio per la loro fede e carità. Li incita a essere perseveranti e di grande cuore in tutto, ringraziando con gioia il Padre per averli fatti partecipi della salvezza per mezzo del "Figlio del suo amore". In Lui tutto si concentra, perché “tutte le cose sono state create per mezzo di Lui e in vista di Lui”. In questo mese vogliamo che prendano consistenza in noi queste parole che saranno oggetto del nostro Impegno di Vita. In Gesù, per mezzo di Gesù e in vista di Gesù, l'eterno Figlio del Padre, tutta la realtà è stata creata. In Lui, per mezzo di Lui e in vista di Lui tutto esiste dentro il mistero della Trinità. Nel cuore della Trinità sono contenuti la Chiesa, tutta la realtà umana e l'intero universo. In Gesù tutto è divenuto parte del Paradiso di Dio, che è l'Amore trinitario. Papa Francesco scrive nell'enciclica Laudato si' che il Risorto avvolge misteriosamente le creature di questo mondo. "Gli stessi fiori del campo e gli uccelli che Egli contemplò ammirato con i suoi occhi umani, ora sono pieni della sua presenza luminosa" (LS, 100). E facendo riferimento alla Trinità afferma: "Le persone divine sono relazioni sussistenti, e il mondo, creato secondo il modello divino, è una trama di relazioni... Tutto è collegato, e questo ci invita a maturare una spiritualità della solidarietà globale che sgorga dal mistero della Trinità. (LS, 240). Don Ottorino con parole semplici, ma molto incisive, in una meditazione in cui parla della Trinità come modello di unità nella carità e vede nella Famiglia di Nazareth la riproduzione qui in terra di questo modello, dice: "In Paradiso abbiamo già un esemplare: Padre, Figlio e Spirito Santo. Si vogliono così tanto bene che sono Tre e sono Uno solo. È una famiglia esemplare proprio meravigliosa. In terra hanno portato un altro esemplare a Nazareth, composto da Gesù, Giuseppe e Maria. Meravigliosa realtà della casetta di Nazareth: una armonia meravigliosa, non misurata col metro umano, ma misurata sopranaturalmente. Dio ha stabilito questa armonia, e lì si conserva l'armonia. Il Signore vuole che noi imitiamo qui in terra la Casa che c'è in Paradiso, Padre, Figlio e Spirito Santo e che imitiamo la Famiglia che sta a Nazareth" (Med. 9 gennaio 1966). Gesù è venuto da Dio Trinità per ricondurre l'umanità al suo vero destino di Famiglia, cioè vivere qui in terra alla maniera della Trinità.

Come vivere, allora, la Parola dell'Impegno di Vita di questo mese?

Ravvisare in ogni cosa e in ogni persona, la presenza di Gesù, nel quale tutto è creato e tutto esiste, perché siano occasioni per un contatto personale e cosciente con Lui.

 

Ultima modifica il Sabato, 05 Novembre 2016 09:56

Download allegati:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Go to top