Don Gabriele è rimasto qualche mese con noi alla Casa dell'Immacolata, di ritorno dalla sua missione di Sooretama (Brasile). È stato - come ha detto - un suo modo particolare di fare qualche mese sabbatico. Era tornato per ricordare la mamma. Non era potuto venire per il funerale. Lei si era spenta soavemente e un po' improvvisamente senza che nessuno potesse rendersene conto, arrivando alla Casa del Padre ricca di tanti frutti da offrirgli, raccolti nella sua lunga vita. In una delle visite precedenti don Gabriele aveva pensato bene di celebrare con l'anticipazione di qualche mese i suoi cent'anni ed era stata una festa bellissima con tanti figli, nipoti, pronipoti e oltre. Ora tenendolo a mano e sempre fedelmente presente nella nostra vita comunitaria non è mancata l'occasione di fare una chiacchierata con lui che ha subito accettato come solitamente fa quando c'è qualcosa che gli si propone. "Ho pensato…
Piccole ma significative luci di speranza continuano ad accendersi proprio lì dove è sempre in agguato la tentazione di nuovi conflitti Quest’anno la siccità, che ha colpito la nostra regione, ha reso più preziosa l’opera di assistenza che offriamo a tanti orfani grazie agli aiuti che riceviamo da voi. Oltre alla retta per la scuola materna di un gruppo consistente di bambini, al materiale scolastico, ai vestiti e alle scarpe che periodicamente offriamo ai ragazzi, abbiamo intensificato la fornitura di alimenti offrendo soprattutto farina di mais, alimento base per l’alimentazione delle famiglie. In quest'ultimo periodo ad aggravare la situazione generale è subentrata la guerriglia sostenuta dal partito di opposizione che non accettando l’esito delle elezioni presidenziali del 2014 che considera fraudolento, sta creando una instabilità generale con l’obiettivo di costringere il governo a concedergli qualche fetta di potere. A sua volta il governo, che non vuole accettare il dialogo proposto,…
EL SALVADOR: "EL TRAPICHE" BOCCATA DI OSSIGENO PER I BAMBINI In mezzo a grandi difficoltà provocate dalla situazione di violenza si continua a credere e a lottare per il futuro attraverso l'educazione dei bambini Vogliamo condividere un po' la situazione generale che viviamo e che tocca da vicino anche le nostre attività; ci riferiamo, fra le altre cose, all'onda di violenza che sta aumentando a causa della mancanza di lavoro, delle bande giovanili e delle estorsioni. Purtroppo in queste situazioni, molte famiglie devono andarsene dalle loro case o addirittura dal Paese per la paura in cui vivono. Penso sia facile immaginare i grandi disagi che tutto questo provoca alle famiglie, ma questo coinvolge anche noi, perché all'improvviso (a volte da un giorno all'altro) alcuni bambini smettono di frequentare il nostro centro, cambiando di città, di scuola, con la speranza di avere un futuro diverso, migliore … sempre se hanno la…

EL TELAR (IL TELAIO)

El Telar (il Telaio) è una iniziativa diaconale ispirata al carisma della Pia Società San Gaetano, in Argentina (Don Torcuato) Nel 1986 insieme a un gruppo di laici delle diverse parrocchie di Don Torcuato, sensibilizzati per la situazione di marginalità dei quartieri di Bancalari e Baires, abbiamo cominciato a porci delle domande. Anche se come battezzati eravamo chiamati a annunciare il Vangelo, c'era bisogno di qualcosa di più per dare una risposta al crescente deterioramento della qualità di vita dei più deboli, specialmente dei più giovani, per i quali si riducevano gli spazi di partecipazione nella società, come anche la possibilità di accesso all'educazione e a un lavoro degno. A quell'epoca arriva a Bancalari il diacono Giancarlo Munaretto, che si aggiunge alla comunità pastorale. Con Giancarlo abbiamo conosciuto la vita e l'opera di don Ottorino e la sua ansia per far conoscere e amare Gesù. Il Gesù amato da don…

RETIS ONLUS - PIA SOCIETA' SAN GAETANO

RETIS ONLUS - PIA SOCIETÀ SAN GAETANO GUATEMALA FERVONO LE ATTIVITÀ DEL CENTRO PADRE OTTORINO Alcune notizie dal CECPO (Centro Educativo Complementare Padre Ottorino) di La Verbena (Città del Guatemala) I bambini del giardino infantile quest'anno sono 45. Durante la quaresima si sono preparati con alcune attività settimanali per vivere la gioia di Gesù Risorto nella celebrazione di Pasqua. Visto che in questa epoca fa molto caldo in Guatemala, abbiamo anche celebrato il "Giorno d'estate". Le attività giornaliere sono caratterizzate da giochi di apprendimento, canto, danza e divertimento. I ragazzi e le ragazze delle elementari e medie continuano con i corsi e le ripetizioni di matematica, comunicazione e letteratura, dinamiche e giochi di gruppo, scautismo, biodanza, appoggiati anche dalla collaborazione degli studenti della facoltà di psicologia dell'Università San Carlo, che ci offrono supporto psicologico individuale e di gruppo, o terapia familiare quando necessario Quest'anno ci sono anche 24 adolescenti che…

ESPERIENZE DI VITA: GUATEMALA

LE "VIA CRUCIS", L'esperienza di vita raccontata dal P. Bruno Sturari ha come scenario la grande discarica della Città del Guatemala. È considerata la più grande discarica dell'America centrale, dove ogni giorno migliaia di uomini e donne, con enorme pericolo per la loro vita e la loro salute, scavano tra le colline di rifiuti per selezionare rame e vetro, plastica e carta. Sono qui Gesù, mi hai portato fin qui. Continui a sorprendermi, commuovermi e smuovermi, mettendomi in cammino. Ieri siamo andati a fare la "Via Crucis" nella discarica della città, l'immondezzaio, che almeno per una estremità è parte della nostra parrocchia. Da alcuni anni la comunità parrocchiale ha la consuetudine di fare la Via Crucis in questo luogo. Eravamo un buon gruppo della parrocchia. Camminavamo con gli stendardi delle stazioni e abbiamo concluso dopo circa un'ora e mezza con la "Risurrezione". Le comunità della parrocchia avevano preparato qualcosa da…

LA MISSIONE NASCE DA UN INCONTRO

La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù (Papa Francesco) Nell'accingermi a scrivere queste righe di "spiritualità e formazione", sulla soglia ormai dell'Assemblea della Famiglia di don Ottorino e del Nono Capitolo, che hanno come tema principale "l'annuncio del Vangelo e la missione pastorale", mi scatta dentro repentinamente come un flash il ricordo di una meditazione di don Ottorino che è stata determinante per la storia della mia vocazione. Ero ancora ragazzo e sono stato colpito e nello stesso tempo affascinato da alcune sue parole. Diceva con molta forza e profonda convinzione che non c'era forma più bella di vivere la vita di quella di donarla interamente alla missione. Da quel momento ho deciso che sarei stato missionario. Quale ardore c'era in quelle parole da poter accendere il mio? L'ho capito con il passare del tempo. Il suo desiderio missionario…
Tutta la comunità si è riunita la domenica 10 aprile per dare il saluto al P. Omar e al P. Juan Carlos, i religiosi che formavano la comunità in questo momento. Sono stati presenti anche il diac. Piero, come rappresentante di tutti religiosi che hanno esercitato il loro ministero di preti e diaconi durante tanti anni fin dal lontano 1967, e anche il P. Jorge Luis, come Delegato della Congregazione in Argentina e Paraguay. Riportiamo qui alcune parole dette durante l’intensa e commovente celebrazione. CONTINUEREMO A ESSERE IL VOSTRO GREGGE E LA VOSTRA FAMIGLIA Che difficile trovare le parole che possano riconoscere tanta vita donata dai fratelli Gaetanini! Per questo chiedo allo Spirito Santo di essere fedele alla voce della comunità. Che esca dalla mia bocca nessun’altra parola che non sia parola di Dio. Quando abbiamo saputo che la Congregazione, dopo quasi 50 anni di servizio, si ritirava dalla diocesi,…

PASSAPAROLA

PASSAPAROLA GIOIA “Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena” (Gv 15,11). Colpisce pensare a queste parole pronunciate da Gesù durante l’ultima cena: nell’ora in cui la prova diventa più forte è la gioia e non la tristezza ad avere il sopravvento. Quotidianamente ciascuno è alla ricerca di sensazioni ed emozioni che lo facciano stare bene e che lo aiutino a gustare maggiormente la vita. È una felicità che ci tocca, a volte, solo in superficie e non ci appaga in profondità e, di fronte alle inevitabili prove che la vita ci presenta, facilmente ricadiamo nella tristezza e nello sconforto. La storia biblica ci offre un panorama immenso di esperienze che muovono le corde delle sensazioni: la tenerezza e la passione, la delusione e l’amarezza, la gioia e la tristezza. È la nostra umanità, fatta anche di emozioni, che può…
Go to top