PREGARE SUI MURI DEL PIANTO

PREGARE SUI MURI DEL PIANTO

Il viaggio del Papa Francesco in Terra Santa è stato intriso di parole forti e disseminato di gesti profetici, che hanno toccato il cuore di ognuno di noi e certamente lasceranno il segno nella storia dell'umanità.

Nelle due foto, che riproduciamo, vogliamo accostare il gesto del Papa di toccare in preghiera il muro del Pianto e quello di toccare, sempre in preghiera, il muro di Betlemme, che divide Israele dalla Palestina. Due gesti inscindibilmente uniti nell'invocazione della Pace che viene da Dio, ma che deve incontrare tutti noi pronti a costruirla come umili "artigiani di pace".

In una fessura del muro del Pianto, ripetendo un gesto già compiuto da Giovanni Paolo II e  Benedetto XVI, ha deposto un foglio con una preghiera. "Ho scritto il Padre Nostro di mio pugno nella lingua in cui l'ho imparato da mia madre", ha detto il Papa. Firmando, poi, il libro d'oro ha scritto: "Quale gioia quando mi dissero: Andiamo alla casa del Signore! Già sono fermi i nostri piedi alle tue porte, Gerusalemme!". E ha aggiunto: "Con questi sentimenti di gioia verso i miei fratelli maggiori, sono venuto ora e ho chiesto al Signore la grazia della pace".

A Betlemme, mentre passava in macchina davanti all'altissimo muro di cemento, che divide due popoli fratelli, chiede di fermarsi, si avvicina a quella barriera e prega con la mano appoggiata al muro. Il suo è un messaggio a tutti noi e al mondo, spesso in preda all'ingiustizia e all'intolleranza, che impediscono di ascoltare ognuno la voce e le necessità dell'altro. Il Papa non ha esitato a dire che tutti abbiano "il coraggio della generosità e della creatività al servizio del bene", perché sarà questa premessa a permettere di giungere al "riconoscimento da parte di tutti del diritto di due Stati a esistere e a godere di pace e sicurezza entro confini internazionalmente riconosciuti".

Che le parole e i gesti di Papa Francesco possano toccare il cuore di tutti. Preghiamo per lui.

Ultima modifica il Domenica, 21 Agosto 2016 06:55

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Go to top