IL LINGUAGGIO DELL’AMORE

Gv  14, 15-16.23-26 – Solennità della Pentecoste

Commento per lavoratori cristiani

 

Stamattina hanno suonato alla porta. Sono andato ad aprire: il giovane che stava lì in attesa si era voltato, guardando altrove. All’affacciarmi, sono rimasto sorpreso: sembrava non essersi accorto del mio arrivo, e anche al mio altisonante ‘buongiorno’ non ha dato cenni di risposta. Ho insistito, alzando un poco la voce. Lui era lontano alcuni passi, per cui a un certo punto, tra lo stupito e l’infastidito, mi sono avvicinato, ponendomi davanti al suo sguardo. Mi ha sorriso e mi ha porto subito una cartellina con una penna: chiedeva aiuto, qualche offerta, senza però dire una parola… Era sordomuto!

Non c’è dubbio che lo Spirito, a tempo opportuno, sa stupire e trasformare la preghiera in vita. La Pentecoste è festa della comunicazione, è inno all’incontro, è mistero di unità nella diversità dei linguaggi. Ed ecco allora, improvvisamente come improvvisa è la vita ordinaria, l’opportunità di renderla carne e di lasciare operare lo Spirito.

Per comunicare con un sordomuto c’è bisogno di pazienza, arte e fantasia. Ma soprattutto, c’è da spogliarsi dalla presunzione di esserne capaci. C’è da lasciarsi coinvolgere in una relazione che all’inizio ha un sapore buffo, e ti mette nella condizione di scoprire la tua rigidità e di smascherare quanto sei impacciato e duro.

Siamo tutti un po’ sordomuti. Sordi verso le parole degli altri, verso i messaggi dei piccoli, verso le indicazioni della vita. Sordi anche verso noi stessi, e le esigenze più profonde del cuore, incasellate dentro schemi di comunicazione spesso inamidati e sclerotizzati. Così diveniamo sordi alla voce di Dio, supponendo di avere già ascoltato tutto il necessario, oppure – che forse è peggio – ritenendoci ormai inadatti ad ‘aprire gli orecchi, attenti come gli iniziati’ (cfr. Is 50,4).

E da sordi si rimane muti, incapaci di trasformare in dialogo la trepidante ansia di relazione che ci abita in corpo. Al massimo balbettiamo bisogni, senza accorgersi che, se viviamo alla superficie, anche i nostri messaggi rimangono sterili, a volte violenti, perfino utilitaristici.

Siamo comunità umane e cristiane di isole, così desiderose di incontro eppure così impaurite dal diverso. Siamo comunità monche, dalle lingue tagliate e dagli orecchi tappati. Siamo…

Ma oggi non vogliamo più esserlo! Oggi lo Spirito soffia, come vento impetuoso; oggi nuove lingue di fuoco scendono e si impossessano di noi; oggi il terremoto scuote la nostra interiorità e genera un trambusto nei nostri rapporti. Oggi è il tempo della Chiesa, dell’Assemblea nuova dei discepoli: è il tempo che vince la paura dell’altro e ci scaraventa nei piazzali ad annunciare l’Amore!

Dio infrange gli schemi in cui si sente stretto e che non possono trattenerne la creatività e la fantasia traboccante. Dio invia il Suo Spirito per renderci capaci di comunicazione e di relazione. Il Padre e il Figlio, nella loro diversità interdipendente, ci coinvolgono con passione ad imparare l’arte di tessere unità fra gli opposti. La lingua dell’altro ha bisogno di sciogliersi, ed è per questo che a me dà il coraggio di fare un passo, di pormi davanti al suo sguardo, di stringere le mani e di imparare a leggere le parole che escono timide e commosse dalle labbra strette.

La voce tenera dello Spirito consola e collega, congiunge menti e cuori, ma anche mani e passi. Per capirci, infatti, nel nuovo linguaggio dell’amore, c’è bisogno di esserci tutti interi, per scoprire il varco attraverso il quale passa l’incontro e l’accoglienza dell’altro.

Questi miracoli, e molto più, realizza lo Spirito di Dio, per chi si abbandona docile al suo doloroso e perseverante lavorio di artista. Lui, Persona che è Relazione, fa di noi verità e pienezza, sprigionando le energie nascoste. Così anche i sordomuti saliranno sui tetti e grideranno, cantando, la gioia del Vangelo!

 Padre  Luca Garbinetto

Pia Società San Gaetano

Download allegati:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Go to top