UNITE NELLA DIVERSITÀ (Sorelle nella Diaconia)

 “Riunite in comunità non da volontà della carne o del sangue, non da simpatie personali o da motivi umani, ma da Dio”. Una provocazione bella, perché riunite insieme nel nome del Signore, che ci ha scelte per vivere insieme. La mia vita di comunità va bene, con le gioie e le fatiche di ogni giorno. Dopo tanti anni di vita solitaria, per me è stato un salto di qualità, una palestra di vita che credo continuerà per sempre. La nostra vita di comunità è serena, riusciamo a parlare, discutere, chiedere scusa. Sento che siamo unite nella diversità e ci sentiamo parte integrante del progetto di amore di Dio. Desidero essere alla sequela di Gesù con questo desiderio di farlo conoscere e farlo amare, secondo il nostro carisma di sorelle nella diaconia. Sento che devo fare un salto nella fede, sapendo che il nostro cammino è fatto di gioie e di fatiche... “Bisogna sapere che abbiamo con noi Gesù: lo abbiamo sempre, vede le nostre tribolazioni, vede le nostre difficoltà, ci accompagna in mezzo alle tempeste e, in qualsiasi momento, può dire: Alt, basta!” . Queste parole di don Ottorino mi danno conforto in questo nuovo anno, perché ricco di cose nuove. Credo che la nostra prima testimonianza è di cercare di vivere bene la vita comunitaria, l’impegno di lavoro, curare le mura domestiche della nostra casa, garantire la preghiera comunitaria, fare l’impegno di vita con serietà, la preghiera personale, l’incontro con Gesù Eucarestia.

Maria, sorella nella diaconia, Vicenza

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Go to top