LA DANZA DELLE MAMME

Lc 1, 39-45 – IV domenica di Avvento C

Commento per lavoratori cristiani

 

Nel silenzio e nella delicata discrezione dell’Avvento, tempo in cui tutta la creazione è invitata a essere sobria nei rumori e nei movimenti, l’incontro tra due mamme incinta irrompe come un frastuono gioioso e spezza il ritmo dell’attesa.

La corsa frettolosa di Maria ha il gusto della risurrezione anticipata. L’esclamazione ‘a gran voce’ di Elisabetta è l’annuncio dell’evento già avvenuto, ma ancora aspettato. D’altro canto, solo chi porta in grembo il mistero ha diritto di proclamarlo al mondo. Solo chi si è resa campo da seminare e custodisce il germe nascosto ma presente può precedere le folle nell’esultanza della raccolta dei frutti.

Maria ed Elisabetta, festose nel turbamento di due gravidanze oltre ogni speranza, rompono gli schemi dell’ordine, nel traboccare dell’ospitalità, per non permetterci di considerare l’avvenimento una semplice questione da indagini cliniche. Una fanciulla vergine e una anziana sterile possono soltanto sconvolgere i calcoli di chi della vita ne fa un oggetto di controllo e di gestione. A noi, che vogliamo correre con loro sulla strada da Nazareth ad Aim Karim, e lasciarci coinvolgere nella fantasia creativa delle mamme, le due donne svelano la meraviglia della vita che ci oltrepassa e sorprende. È la vita divina divenuta carne nel corpo di donna.

Solo chi si è aperta veramente alla vita può farsi ‘fontana vivace’ dei rivoli giocosi e gioiosi della vita condivisa, e mettere su una festa ordinaria ma incontenibile. Sembra che danzino, Maria ed Elisabetta, nella fretta, nello stupore, nell’abbraccio! Sembra che sia risorta nelle loro pance gonfie di futuro la danza lontana del re Davide: la nuova arca di salvezza che è Maria fa muovere le gambe e battere il cuore dell’Antico popolo raccolto nel seno di Elisabetta e nella profezia di Giovanni! Sembra che sia finalmente esplosa l’esultanza degli invitati a nozze, perché è arrivato lo Sposo, fatto bambino per poter essere introdotto dalla Madre Sposa nella sala del banchetto!

Questa è una giornata di placida e intima gioia. La storia si unifica definitivamente, grazie al ‘sì’ di due figlie di Israele. E la freschezza del grido dell’anziana riflette la beatitudine sorridente dell’incoscienza della fanciulla, tanto saggia da abbandonare la propria esistenza nelle mani dell’Onnipotente. Anche i bambini si lasciano coinvolgere nel sussulto della danza.

E noi ci sentiamo invitati, coinvolti, quasi travolti da un mistero che restituisce verità alla nostra storia quotidiana. Perché noi non siamo fatti per la morte e la disperazione. L’ultima parola è quella del Signore: è un ‘sì’ totale e definitivo alla vita, soprattutto quando essa sembra impossibile, rovinata, perduta.

‘Beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto’. Beati noi, se non abbiamo fatto resistenza al passo di danza. Beati noi, se non abbiamo tappato le orecchie all’annuncio. Beati noi, se abbiamo corso in fretta lungo la via di Ain Karim.

E se la gioia è ancora muta nel nostro cuore, ancora c’è tempo: gli occhi profondi di Maria, scuri nella carnagione abbronzata dal sole, guardano luminosi i nostri occhi ansiosi di risposte. Il suo saluto tocca anche le nostre orecchie, e lei si fa tabernacolo della Parola fatta carne per noi: ‘Benedetto sei tu, figlio amatissimo del Padre!’.

Padre  Luca Garbinetto

Pia Società San Gaetano

Download allegati:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Altro in questa categoria:

Go to top