IL PADRE CELESTE IMPASTA IL PANE DI VITA

Gv 6, 24-35 – XVIII domenica del tempo ordinario – Anno B

Commento per lavoratori cristiani

La bontà del pane dipende da tanti elementi: l’acqua, la farina, il sale, il fuoco con cui lo si prepara. La sua fragranza, il suo profumo, sono aspetti che ne caratterizzano l’origine e quindi la genuinità. Non tutti i pani sono uguali, dunque. Ma la bontà del pane dipende anche da chi lo prepara, dalle mani che lo lavorano, dalla passione che si pone nell’opera paziente e nascosta. Sì, perché il pane si fa di notte, quando il mondo ancora sonnolento è combattuto tra la notte e il giorno, e regna la penombra. L’oscurità comincia a essere attraversata da qualche bagliore di luce, e il pane inizia a essere impastato, infornato, tolto caldo e saporito.

Chi fa il pane deve avere mani esperte e cuore dedicato, perché quella del panettiere è un’arte antica e nuova, che non si inventa dal nulla, che parla di esperienza e amore.

Chi, allora, ha impastato il Pane disceso dal Cielo? Chi sta all’origine della kenosis di Gesù? Chi sta  dietro il suo parlare ardito e il suo agire coraggioso?

Questa è la domanda che sorge fra coloro che hanno mangiato il pane materiale, memoria della manna del deserto, e che si accorgono che c’è qualcosa di più che un semplice banchetto per affamati. I Giudei percepiscono che la fragranza di Gesù ha una autorevolezza e una profondità che non può essere solo di questa terra. E sembra che la bontà del Pane, rimandando a un Artigiano ben più grande di loro, anziché generare stupita ammirazione e rinnovare l’intimo desiderio del Cielo, susciti timore e progressiva avversione.

Può darsi che capiti quando ai Giudei – e a ognuno di noi – si insinua nel cuore quella vena di invidia per non poter essere padroni e gestori di questo Pane buono. Può darsi che sotto sotto si sviluppi quella mortale gelosia di chi vorrebbe essere il produttore e l’unico consumatore, ed è incapace di godere del bene generato e donato da altri.

Il confronto con Dio, però, non può essere sostenuto; e così i Giudei – e forse noi con loro – si mettono a far paragoni con Giuseppe e Maria: ‘se i panettieri, cioè gli educatori e catechisti che hanno generato un uomo così saggio e forte, un Pane così allettante, sono due poveracci del nostro paese, noi possiamo fare meglio!’.

Mai oserebbero dire di sé questo, confrontandosi con Dio! Anche loro sanno che nessuno può operare meglio di Dio! E così si nascondono, e con loro anche noi spesso ci mascheriamo dietro futili, ma dolorosissime diatribe di competizione.

Ma è Dio l’unico Panettiere, la fonte d’Acqua viva e il Fuoco che corrobora la cottura del Pane! Dio è il Padre, che genera il Figlio in tutta la sua incommensurabile bontà!

Per riconoscere questo è necessario riconoscere che Gesù è un Pane disceso dal Cielo, che non si incrosta in nessuna logica di rivalità umana, e non si incasella in misere ricette terrestri. Significa accettare di… perdere il controllo, e dare al Pane la possibilità di inebriarci con il suo profumo e il suo sapore. Chiudendo gli occhi per poterci fidare di Lui.

Questa è la posta in gioco: la fede, il credere per avere la vita eterna. Per poter mangiare il Pane del Cielo senza che questo diventi la nostra condanna, come ricorda Paolo ai Corinzi, è necessario scegliere decisamente e senza mezze misure di fare del Panettiere celeste l’unico nostro Artigiano di riferimento e del suo Pane impastato nella carne del Cristo l’alimento quotidiano, abbandonando la nostra pretesa di governare e commerciare la Grazia, per lasciarci trasformare dalla Grazia.

Non è una meta per pochi eletti o un privilegio per qualche persona speciale. Si tratta invece della possibilità data a tutti di scoprirsi cari allo stesso Artigiano celeste. In Gesù Pane, infatti, in Gesù Eucaristia si realizza per ognuno di noi la profezia dell’Antico Testamento: lo Spirito prende casa nel cuore di ogni uomo, giovane o vecchio che sia, e la Terra Promessa si concretizza nella vita celeste accolta nella nostra interiorità come anticipo di Paradiso.

Tutti possiamo mangiare di questo Pane, che è la carne del Figlio offerta in sacrificio per noi. E in esso incontriamo la verità di un Padre che si sveglia molto presto, prima dell’alba, sperando di trovare la nostra povera ma amata carne disponibile a farsi impastare e cuocere ancora, per essere, come Gesù, offerta al banchetto del mondo ogni giorno, come sacrificio gradito a Dio.

Padre  Luca Garbinetto

Pia Società San Gaetano

Download allegati:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Go to top