DIO HA SCELTO L'UOMO

Gv 3, 14-21 – IV domenica di Quaresima B

Commento per lavoratori cristiani

 

Gesù crocifisso, il Figlio innalzato come il serpente nel deserto dell’esodo, è la svolta della storia, il perno attorno a cui ruotano le vicende dell’umanità, il punto senza ritorno della ricerca tra l’uomo e Dio. Ogni uomo e ogni donna, voglia o non voglia, si trova a dover scegliere, di fronte allo scandalo della Croce e alla stoltezza del Calvario, da che parte stare.

La vita di ogni persona ha bisogno di fondarsi su una opzione fondamentale, che orienta ogni altra decisione. Spesso viviamo inconsapevoli di questa verità, supponendo di poter scegliere di volta in volta a seconda dei condizionamenti del momento, dei gusti personali, delle emozioni passeggere. Diventiamo così schiavi della ‘dittatura del relativismo’ (Benedetto XVI), che in realtà alimenta un pensiero e una costruzione ideologica rigida e insidiosa quanto le più atroci ideologie del passato. ‘Ognuno faccia quello che vuole, basta che non disturbi la mia libertà’: è una concezione fondamentalista della vita, capace di attaccare e condannare chiunque osi pensare, al contrario, che per me, invece, non è indifferente ciò che l’altro pensa o fa. L’illusione di una libertà senza riferimenti e senza valori portanti, la seduzione di un operare privo di segnali stradali che ne indichino la meta, la meschinità di proposte fondate unicamente sul culto dell’immediato sono ferite quotidianamente inferte all’uomo, insinuazioni del ‘serpente che striscia’ e si traveste di angelo di luce.

Ma chi ne diviene seguace, chi cade nella trappola e nell’inganno, vive invece in una profonda oscurità. E le tenebre fanno dura resistenza alla luce. Le tenebre provano a impedire di incontrare la luce, perché potrebbe bruciare gli occhi, non abituati al fulgore della verità.

Il Figlio crocifisso è la luce, è la verità, è la vittoria sulle tenebre. Di fronte a Lui non ci si può esimere da una scelta. O rimaniamo nella notte, condannandoci da soli a un progressivo aumento di isolamento e di autoreferenzialità, che porta alla morte; oppure accettiamo il bruciore dell’anima che viene dal raggio potente del suo dono d’amore, e ci lasciamo purificare dal crogiuolo della verità. Il Figlio crocifisso è la verità, ne è la via, e da’ la vita.

Perché il Crocifisso scardina la falsità della legge dell’individualismo e dell’indifferenza globalizzata. Sul corpo del Crocifisso è impressa la legge del dono di sé. L’offerta di Gesù della propria vita è rimasta marchiata nella carne fragile, perché lo Spirito incide decisamente e profondamente anche nella nostra debolezza. Il Crocifisso è il segno credibile che una esistenza donata ha valore persino oltre la morte, e da’ senso all’insensato, rende necessario ciò che sembra inutile, sprigiona energie di vita eterna dalle ceneri della morte.

Tutto questo è possibile e vero perché in Dio la scelta è già stata compiuta. Da sempre. Mentre noi siamo sempre in ballo tra la luce e le tenebre, e il nostro cuore sembra combattuto costantemente tra un ‘fifty – fifty’, quasi che scegliere di stare in Lui o di rifiutarLo possa avere lo stesso peso e valore, Dio invece ha già sbilanciato la sua opzione. Dio non ha avuto dubbi e non ha ripensamenti: il Padre ‘non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui’ (v. 17). Perché Dio ama il mondo, lo ama infinitamente. Dio è luce perché è amore, e non può essere diversamente. Dio ha scelto l’uomo, la creatura più buona, e con lui l’intera creazione, e non si scrolla di dosso questa sua passione d’amore. Dio è inequivocabilmente dalla nostra parte.

Il perno della storia in Dio è squilibrato: è proteso verso l’uomo per salvarlo, è piegato verso le piaghe dell’umanità per guarirle, è innalzato verso il Cielo per mostrarlo e ridonarlo a chi teme di averlo irrimediabilmente perduto. Dio crede nell’uomo e nel mondo più di quanto possiamo credere noi in noi stessi. A volte crediamo a quello che vediamo e tocchiamo, ma credere in noi stessi è altra cosa. Ha lo spessore della divinità. Nessuno può credere veramente di essere chiamato alla luce per sempre, se non sceglie di mettersi sotto l’irradiazione della Luce.

Credere nella Luce è scegliere la vita, quella eterna, cioè piena, divina, traboccante. Dalla Croce si sprigiona questa verità e ce ne viene donata la forza. Il Padre e il Figlio non accettano la logica dell’indifferenza: ‘si salvi chi può!’. Il Padre e il Figlio hanno scelto e pagato di persona la logica dell’offerta: ‘se vuoi, io ti ho già salvato; se vuoi, noi stiamo dalla tua parte; se vuoi, puoi essere luce anche tu, vivendo nella verità’. Può darsi che costi il prezzo della croce anche a noi. Ma la nostra croce partecipa della Croce di gloria. La nostra morte nell’oscurità, invece, rischia di precluderci fin d’ora la bellezza dell’essere uomini.

Padre  Luca Garbinetto

Pia Società San Gaetano

Download allegati:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Go to top