Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace. (Gal 5,22)

Nel testo, in cui troviamo il versetto della Parola dell'Impegno di Vita di questo mese, San Paolo ci descrive la differenza tra “vivere secondo la Legge” e "vivere secondo lo Spirito”. Se viviamo motivati solo dalla legge, siamo soggetti all'imposizione e diventiamo in qualche modo schiavi della legge, mentre se nel nostro agire siamo mossi dallo Spirito diamo testimonianza della gratuità e della libertà dell'amore. L'apostolo Paolo ci ricorda che Cristo ci ha liberati per la stessa libertà (Gal 5,1). Lui ci ha inviato lo Spirito perché potessimo vivere secondo lo Spirito. Il cristiano, infatti, è colui che attraverso la fede accoglie l'azione dello Spirito e la comunica agli altri attraverso l'amore. L'amore poi ci fa agire con gratuità e libertà.

San Paolo menziona anche altri effetti dello Spirito in noi: “Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé” (Gal 5,22), per indicarci che la libertà che ci dà lo Spirito ci porta a vivere una vita tutta intera sotto la sua influenza. Don Ottorino ci parla di "santificazione del quotidiano", cioè di una spiritualità che si vive nella semplicità della vita di ogni giorno, senza pensare a cose straordinarie.

Se ci sforziamo di vivere una spiritualità del quotidiano, essa mette in marcia l'amore, che è la più pura espressione della gratuità che nasce dallo Spirito. E dall'amore nascono le opere, quelle che si concentrano nell'amore fraterno. La spiritualità, pertanto, attiva l'amore ed è attivata dall'amore. L'amore è l’orizzonte per la libertà del cristiano e per il suo agire. L'amore è la fonte della sua gioia e della sua pace. Solo amando il cristiano si realizza, solo amando conquista la vera gioia e la vera pace. Per questo l'amore è il primo frutto dello Spirito, secondo San Paolo, perché lo Spirito ci dà le virtù del Figlio di Dio Gesù, modello di vita e di pratica dell'amore nella libertà.

La "vita secondo la legge" si colloca nella sfera dell’istinto, perché si basa su cose esterne. Il dinamismo della "vita secondo lo Spirito" è interiore, è più esigente della legge, ma è permanente, duraturo e intoccabile; non si lascia ingannare dagli istinti e neppure dai propri interessi. È un dinamismo liberante, capace di farci gioire profondamente, dice Papa Francesco. Il Signore ci aiuti a vivere la vita secondo lo Spirito, in modo che nella libertà dell’amore possiamo realizzare il sogno di Dio per la nostra Famiglia. 

 

Come vivere, allora, la Parola dell’Impegno di Vita di questo mese?

 

Gustare le piccole cose, ringraziare delle possibilità che offre la vita senza attaccarci a ciò che abbiamo né rattristarci per ciò che non possediamo. Scoprire la presenza dello Spirito, lasciarci riempire dalla sua gioia.

PERDONA, SOPPORTA, COMPRENDI, AIUTA E PER TUTTI ABBI UN SORRISO

NON PRETENDETE DI AVERE PER FRATELLI DEGLI ANGELI

LA CORREZIONE FRATERNA È ATTO DI CORAGGIO, AMORE E APOSTOLATO

UNITI TRA VOI COL CRISTO PRESENTE SARETE UNA POTENZA

ABBIAMO UNA GRAZIA GRANDE: QUELLA DELLA COMUNITÀ

Non posso realizzare una santità individuale! Dobbiamo farci santi insieme.

Vorrei pregarvi in nome della Madonna: state uniti insieme!

Tenendo fisso lo sguardo su Gesù

ABBIAMO BISOGNO DI UN CLIMA DI FAMIGLIA

TUTTI RESPONSABILI DELLA SPIRITUALITÀ DELLA FAMIGLIA

IL SEGRETO PER CONSERVARE LO SPIRITO DELLA FAMIGLIA È L’IMPEGNO DI VITA

CANTARE CON MARIA LA MISERICORDIA DEL PADRE

AFFIDARE CHIESA, UMANITÀ E COSMO ALLA SIGNORIA DI CRISTO

INTRODURRE TUTTI NEL GRANDE MISTERO DELLA MISERICORDIA

SCOPRIRE CRISTO NEL POVERO

APRIRE IL CUORE A CHI VIVE NELLE PERIFERIE ESISTENZIALI

Essere pellegrini della misericordia

VIVERE E ANNUNCIARE LA MISERICORDIA

ESSERE UNA CHIESA AVVOLTA DALLA TENEREZZA

MISERICORDIOSI COME IL PADRE

LA MEDICINA DELLA MISERICORDIA

TENERE FISSO LO SGUARDO SULLA MISERICORDIA

Contemplare Gesù, volto della misericordia

INDUSTRIALI DEL BUON DIO

GESÙ NON SI È FERMATO AI PIEDI DEL CALVARIO

CARMELI AMBULANTI

TUTTO ALLA PRESENZA DI GESÙ

NON USCIRE A SPARLARE DEL CRISTO

MARE IN TEMPESTA, NON TEMERE, INVOCA MARIA!

MAI NESSUNO MI HA VOLUTO BENE

APOSTOLO "CHI PERDE TEMPO TRADISCE LE ANIME"

PARLARE DELLE COSE NOSTRE

IL LAVORO UNA COSA SANTA

LA FIRMA IN BIANCO

DIO AL TELEFONO

CURA DEL SOLE

CARMELI AMBULANTI

Go to top