IL CRITERIO APOSTOLICO DELLA GIOIA

L'annuncio del Vangelo non può essere che un annuncio di Gioia che scaturisce dal cuore di chi si è incontrato con Gesù.                                                                                                                                 

La Chiesa esiste per evangelizzare: il Concilio e poi i Papi Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI   e, adesso,  Francesco lo affermano  con  forza crescente, attualizzando il mandato apostolico di Gesù "andate e annunciate" e l'autoincitamento missionario "guai a me se non evangelizzo" di Paolo. Questa personalizzazione del dovere e diritto di trasmettere il Vangelo diventa consegna diffusa,  responsabilità assimilata: ogni evangelizzato deve essere un evangelizzatore,  con la  consapevolezza altrettanto ineludibile che soltanto coloro che sono veramente  evangelizzati possono evangelizzare in modo autentico. Che l'evangelizzazione  sia compito affidato da Dio a tutti i discepoli di Gesù... si può affermare ormai come di verità di fede. La motivazione è chiara: "Vi dico questo - cioè vi do il Vangelo - perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena".

Dopo che Papa Francesco ha sorpreso il mondo e la cristianità con il felicissimo esordio del suo primo documento programmatico "Evangelii gaudium": "La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita di coloro che si incontrano con Gesù", nella missione evangelizzatrice della Chiesa e di ogni cristiano si sta affermando, imponendo il criterio apostolico della gioia, cioè di quello spirito che anima l'intera Esortazione e che caratterizza le applicazioni che lo stesso Papa fa con il magistero quotidiano della parola e dell'esempio. Papa Francesco ha scelto di porsi non come maestro che ribadisce i punti fermi della dottrina ma come autentico accompagnatore spirituale. Una scossa di rianimazione che supera le teorie su ciò che è o non è la nuova evangelizzazione e che dà criteri per convertire le pratiche evangelizzatrici nella direzione della scelta decisiva dello "spirito buono", incoraggiando la Chiesa ad uscire e a rischiare facendo sul campo esperienza di ciò che si è chiamati ad annunciare.

Proiettata su questo sfondo la scelta di Papa Francesco appare chiarissima: l'insistenza sulla gioia, termine che ricorre 59 volte nell'Esortazione, ha il carattere del lieto annuncio che si riconnette alla esperienza fondamentale e sorgiva della Pasqua: la gioia di incontrare Gesù Risorto tre giorni dopo averlo visto Crocifisso. Non soddisfatto sentimento  di piacevolezza ma atteggiamento di chi sa che sofferenza e morte esistono e li ha attraversati sperimentando che la vita è più forte. Come accennato, sono la voce e le opere quotidiane di Francesco a dare ragione della cifra del suo programma apostolico. Ai giovani: siete meravigliosi anche se molti di voi sono vittime della logica della mondanità. Nostro impegno è stare accanto a voi per contagiarvi con la gioia del Vangelo e dell'appartenenza a Cristo.  Ai coniugi: la gioia dell'Amore matrimoniale implica accettare che il matrimonio è necessaria combinazione di gioie e di fatiche, di sofferenza e di liberazione: la Chiesa vi incontra e vi sostiene. Ai poveri: dobbiamo  lasciarci evangelizzare da voi, affinché l'annuncio del Vangelo non affoghi  in parole e non perda la  sua carica di trasformazione e di gioia. A tutti: ricuperiamo il fervore e la dolce e confortante gioia di evangelizzare... avendo per primi ricevuto in noi la gioia del Cristo.

don Zeno Daniele

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Go to top