LA GIOIA NON POSSIAMO IMBOTTIGLIARLA PER NOI (papa Francesco)

 

 

"Chiediamoci: la gioia possiamo imbottigliarla un po' per averla sempre con noi? No, perché se noi vogliamo avere questa gioia soltanto per noi alla fine si ammala e il nostro cuore diviene un po’ stropicciato, e la nostra faccia non trasmette quella gioia grande ma quella nostalgia, quella malinconia che non è sana. Alcune volte questi cristiani malinconici hanno più faccia da peperoncini all’aceto che proprio di gioiosi che hanno una vita bella. La gioia non può diventare ferma: deve andare. La gioia è una virtù pellegrina. È un dono che cammina, che cammina sulla strada della vita, cammina con Gesù: predicare, annunziare Gesù, la gioia, allunga la strada e allarga la strada. È proprio una virtù dei grandi, di quei grandi che sono al di sopra delle pochezze, che sono al di sopra di queste piccolezze umane, che non si lasciano coinvolgere in quelle piccole cose interne della comunità, della Chiesa: guardano sempre all’orizzonte. La gioia è 'pellegrina'. Il cristiano canta con la gioia, e cammina, e porta questa gioia. È una virtù del cammino, anzi più che una virtù è un dono."

(Papa Francesco)

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

More in this category:

Go to top